Home / BENESSERE IN FAMIGLIA / Trappola antimosche con aceto di sidro di mele. Come si realizza

Trappola antimosche con aceto di sidro di mele. Come si realizza


trappola mosche 2

Liberarsi dalle Mosche della Frutta non è un’ impresa facile specie nei periodi estivi quando questi insetti estremamente molesti e pericolosi si sviluppano all’interno dei frutti maturi per poi diffondersi ovunque nell’ambiente circostante. La Mosca della Frutta rovina i frutti in cui si annida come larva provocando danni economici rilevanti ai frutticoltori, e in poco tempo si diffonde nell’ ambiente, specie se inquinato; frequenta discariche, contenitori di rifiuti, bottiglie e lattine vuote, stracci sporchi e immondizia. La Mosca é un vettore di batteri ed un propagatore di malattie.

Quando le Mosche della Frutta penetrano in casa, in cucina in modo particolare, possono contaminare il cibo, lasciato inavvertitamente scoperto, e la frutta matura posata sui vassoi. I parassiti restano letteralmente ammaliati dai frutti su cui si precipitano attratti dalle sostanze che fermentano. Su queste depositano le uova in numero inverosimile e una volta nate, le larve continuano a cibarsi delle sostanze fermentanti. Il ciclo vitale del parassita, dallo stato larvale all’individuo adulto, dura una settimana circa. Pochi altri insetti possiedono la capacita riproduttiva della Mosca della Frutta.

1. Come liberarsi delle Mosche della Frutta prima che possano contaminare gli ambienti in cui viviamo?

Non è solo il ronzio continuo ed incessante degli insetti volanti a creare disagio quanto la preoccupazione che essi possano provocare epidemie per cui siamo costretti a combatterlie. La pulizia degli ambienti è fondamentale ma non è assolutamente sufficiente a debellare le infestazioni da Mosche della Frutta. Occorre catturare la Mosca della Frutta nei luoghi di riproduzione ed eliminarla. IL METODO COMPLETO PER CRARE LA TRAPPOLA DA PAGINA 2 >


Pagina 1 di 3